Stampa questa pagina
Mercoledì, 20 Aprile 2011 00:00

Federacciai - Le perplessità dell’associazione in merito alla nuova bozza di decreto per il fotovoltaico

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

«Forti perplessità in merito al testo della nuova bozza di decreto interministeriale sul quarto conto energia per il fotovoltaico». È quanto si legge in un comunicato reso pubblico oggi da Federacciai in cui viene inoltre sottolineato come il provvedimento preveda un tetto massimo di spesa per i costi totali degli incentivi di 6,5/7 miliardi di euro, una cifra di gran lunga superiore alla soglia massima chiesta precedentemente di 5 miliardi di euro l’anno. «La siderurgia italiana – continua il comunicato di Federacciai - è molto preoccupata da questo scenario che comporterà aumenti insostenibili sui costi della bollette dell’energia elettrica». Questi aumenti si ripercuoterebbero in maniera significativa sulla competitività del sistema, già fortemente danneggiato dalla crisi mondiale e che si appresta ad un difficile cammino di ripresa, a fronte di competitori internazionali che possono contare su migliori condizioni di produttività. L’associazione chiede infine al Ministro dello sviluppo economico di intervenire rapidamente e di contenere il costo complessivo degli incentivi al fotovoltaico entro il tetto di spesa dei 5 miliardi di euro, affinché il sistema delle incentivazioni al fotovoltaico sia sostenibile per l’economia del Paese di cui le imprese industriali manifatturiere sono una parte fondamentale, rappresentando il made in italy in tutto il mondo.

************************************

  Rispettando la legge sul diritto d'autore, siamo stati espressamente autorizzati da Siderweb S.p.A. alla pubblicazione di parte dei contenuti del sito www.siderweb.com.

 

 

Letto 5284 volte Ultima modifica il Venerdì, 15 Marzo 2013 11:21

Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Navigando sul nostro sito, accetti che possiamo utilizzare questi tipi di cookies. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo vedi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies da questo sito.