Il mondo aziendale nel corso degli anni si è reso conto di aver sempre più necessità di comunicare all'esterno. Oggi per alcure realtà rientra ormai nella normalità far conoscere le proprie attività, quali: principi etici, economici e di tutela dell'ambiente che guidano le scelte strategiche della società.

Non arresta la propria crescita la produzione di acciaio negli USA.

Gennaio si è chiuso con un aumento di output a doppia cifra. I dati raccolti dall’American Iron and Steel Institute testimoniano infatti che dal 1 gennaio al 2 febbraio 2019 le acciaierie a stelle e strisce hanno incrementato l’output del 10,3% rispetto all’anno precedente, fermando la bilancia a 9,954 milioni di tonnellate. Importante anche il tasso di utilizzo degli impianti, la cui media mensile è stata dell'80,5%.

Ritmo sostenuto anche nella settimana dal 27 gennaio al 2 febbraio. Il tasso di utilizzo degli impianti è stato infatti dell’81,2% con 1,889 milioni di tonnellate di output. Un dato che corrisponde al un +8,3% tendenziale.

 

Fonte: siderweb.com 

«La recente volatilità del mercato e del commercio ha avuto un forte impatto sull'industria siderurgica europea. Queste misure di salvaguardia devono arginare il fenomeno. La chiave del successo del provvedimento è racchiusa nella sua durata».

L'Italia è tecnicamente in recessione. I dati preliminari diffusi oggi dall'Istat hanno confermato le attese di rallentamento che hanno animato i giorni scorsi. Un calo che lo stesso premier Giuseppe Conte aveva anticipato ieri a Milano. L'Ufficio Studi di siderweb ha analizzato le motivazioni alla base di questa frenata e l'impatto sulla finanza pubblica italiana.

Per le imprese calo di 0,5 punti; per i consumatori crescita di 0,8 punti. Queste le variazioni degli indici di fiducia registrati dall’Istat a gennaio. I consumatori salgono infatti a 114 punti, mentre le imprese scendono a 99,2 punti.

Alla fine la produzione di acciaio ha chiuso anche il 2018 in decisa risalita. I dati aggiornati al 31 dicembre di World Steel Association (WSA) hanno certificato una crescita del 4,6%, con la bilancia mondiale che si è fermata a 1,808 miliardi di tonnellate.

Resta in un’area buia il comparto delle costruzioni in Italia. A novembre, secondo l’ultima rilevazione dell’Istat, si stima un aumento congiunturale contenuto dell’indice di produzione destagionalizzato (+0,2%). Il dato di novembre si fa però negativo su base annua (-0,1%). Si era chiuso con il segno meno anche ottobre, quando secondo l’Istat si è registrata una contrazione dell’1,6% rispetto al mese precedente.

Nonostante il netto rallentamento dell’ultimo trimestre dell’anno, la produzione italiana di acciaio del 2018 resta in crescita rispetto al 2017.
I dati diffusi oggi da Federacciai indicano in un +1,7% la crescita annua dell’output siderurgico nazionale del 2018, con 24,475 milioni di tonnellate prodotte al 31 dicembre, il miglior risultato degli ultimi sei anni.

I flussi commerciali italiani risentono del rallentamento dell’attività industriale a novembre. Un trend che si conferma leggendo i dati Istat, ed è più intenso sul fronte import (-2,2%) rispetto all’export (-0,4%) nel confronto con il mese precedente. A pesare sulle vendite è soprattutto il rallentamento dell’area euro, che ha ridotto dell’1,3% gli acquisiti di beni italiani.

Direzioni diverse per i prezzi del rottame a livello internazionale e italiano: la nota mensile sul mercato delle materie prime siderurgiche pubblicata da Assofermet evidenza alcune discrepanze delle quotazioni in finale di 2018 nei principali mercati di destinazione.

Euro Sider Scalo S.p.A.
Via degli Emigranti, 9
25040 Cividate Camuno (Bs) Italia
Tel +39 0364 340206 - Fax +39 0364 340209

Sede legale e amministrativa Via degli Emigranti, n° 9 25040 Cividate Camuno, BRESCIA Cap. Soc. € 2.000.000 i.v. Reg. Imprese Brescia n. 35883 R.E.A di Brescia n.302331 C.F.02887820179 - P.IVA 00701510984

© 2017 Euro Sider Scalo. All Rights Reserved. Designed By Digima